Cosa significa per Bitcoin il muro delle vendite da 23.800 dollari?

Cosa significa per Bitcoin il muro delle vendite da 23.800 dollari?

Quando il prezzo del Bitcoin ha superato la soglia dei 23.000 dollari, la volatilità del mercato è scesa. Poiché la Bitcoin commerciava nella sua nuova fascia di prezzo, sembrava essere strettamente legata al livello di 22.500 dollari. Infatti, al momento della scrittura, il Bitcoin era valutato ben oltre 23.000 dollari.

In un tale scenario, 22.300 dollari sembrano essere il livello di supporto, un’osservazione supportata dall’analista della catena Joseph Young, sulla base dei suoi recenti tweet. Infatti, le mappe termiche di Binance e Bitfinex hanno mostrato che 23.500 dollari erano il principale punto di forza a Crypto Engine breve termine di BTC. Ma questo significa che c’è spazio per un nuovo rally dei prezzi o per una correzione sui grafici?

Questa gamma può essere difficile da scambiare per i commercianti al dettaglio, così come è stato difficile scoprire prezzi superiori a $ 20.000 nelle ultime 4-6 settimane. Il muro dei profit-taker che ha superato i 19.800 dollari non può essere un ostacolo al prezzo, dato che la storia della „scarsità di offerta“ è ancora una volta in gioco.

Che cosa significa il muro delle prese di profitto da 23.800 dollari per il prezzo di Bitcoin?

Secondo i dati della Cryptoquant, le riserve di valuta estera della Bitcoin sono ulteriormente diminuite. Quando la Bitcoin ha lottato per mantenere il suo prezzo al di sotto dei 20.000 dollari, le sue riserve sono diminuite. L’offerta attiva di Bitcoin 2Y-3Y e 5Y-7Y è aumentata costantemente fino al punto in cui gli analisti della catena si sono preoccupati di generare una domanda sufficiente ad assorbire la liquidità.

In effetti, la liquidità ha raggiunto un triidrato di alluminio all’inizio della settimana scorsa sui mercati del contante. Secondo i dati Whalemaps, viene speso più bitcoin di quanto non fosse stato acquistato tre e cinque anni fa. Quindi ciò che è cambiato principalmente dal 2017 è l’offerta e le entità di controllo. Le principali entità che controllano e influenzano il prezzo del Bitcoin sono le istituzioni. La rapida istituzionalizzazione può aver cambiato il corso dei prezzi Bitcoin, così come il dimezzamento, o i cicli di mercato.
< Secondo questo grafico, il maggior volume di Bitcoin non speso è stato acquistato un anno o meno fa. Nelle ultime due settimane, il più alto volume di Bitcoin non speso è stato registrato dal 2018 in poi. Questo è fondamentale perché, come ha osservato Willy Woo, nonostante l’aumento della liquidità, c’è un muro di vendita di 23.800 dollari.

Quanto è importante un tale muro di vendita per Bitcoin? Bene, le riserve di trading di Bitcoin sono scese ulteriormente a 2,34 milioni e questo è forse il livello più basso per il trading a pronti in questo ciclo di mercato. Pertanto, questo muro di vendita può non essere tanto un segno di una massiccia svendita se combinato con la domanda sulle borse a pronti e le riserve.